meridol® favorisce la naturale rigenerazione dei tessuti gengivali irritati

La placca:

La placca batterica, causa principale dei problemi è una patina molle che si deposita quotidianamente sui denti e sul bordo gengivale e,nonostante un'accurata pulizia, non sempre viene rimossa completamente. 

Le tossine, prodotte dai batteri della placca, aggrediscono le gengive, provocando arrossamento, dolore, gonfiore e sanguinamento (gengive infiammate).

La Gengivite:

Quando le gengive sono arrossate, gonfie, doloranti o sanguinano, sono colpite da un’infiammazione chiamata gengivite. In queste situazioni è necessario. 

Intervenire immediatamente con una igiene orale appropriata. Se trascurata la gengivite può evolvere in parodontite, una malattia che colpisce i tessuti di sostegno del dente e che può provocare la perdita del dente. 

E’ necessario intervenire sin dai primi sintomi perchè la gengivite è ancora reversibile soprattutto lungo il margine gengivale.

La tecnologia di meridol: una perfetta combinazione fluoruro amminico/ioni stannosi

Il sistema meridol, con la speciale combinazione di principi attivi, fluoruro amminico/ioni stannosi, è formulato per contrastare i disturbi gengivali e prevenirne l’insorgenza.

Le origini di meridol: la tecnologia di meridol è stata sviluppata da GABA intorno agli anni 80s ed è supportata da circa 25 studi scientifici.

Il sistema meridol® combatte le cause dell’irritazione gengivale, non solo i sintomi. meridol aiuta a inibire in modo selettivo i batteri patogeni causa dei problemi gengivali e favorisce il ripristino del naturale equilibrio della flora batterica nel cavo orale. 

La combinazione fluoruro amminico/fluoruro stannoso, grazie alle sue proprietà antibatteriche e antiplacca, ogni giorno protegge dall’irritazione e contribuisce alla rigenerazione dei tessuti gengivali. 

meridol è indicato per uso quotidiano, per la profilassi e il trattamento delle gengive irritate, per il controllo chimico della placca in caso di sanguinamento gengivale, in soggetti a rischio quali diabetici, donne in gravidanza, fumatori e soggetti sotto stress.

Inoltre, in alcune situazioni è necessario un collutorio per il trattamento intensivo, per esempio prima e dopo qualsiasi procedura dentale per ridurre la carica batterica, dopo gli interventi di chirurgia orale, parodontale e/o implantare e nel trattamento della stomatite aftosa recidivante. 

Generalmente in questi casi si utilizza e raccomanda un collutorio con Clorexidina 0,2%, infatti la clorexidina è da oltre 50 anni il gold standard tra gli antisettici del cavo orale (1).

I prodotti meridol per i vostri pazienti:

meridol® con clorexidina 0,2% Trattamento intensivo è in grado di ridurre l’indice di placca del 91% (2), e la sua efficacia è clinicamente provata, inoltre la clorexidina 0.2% ha un comprovato effetto battericida ad ampio spettro e un prolungato effetto batteriostatico. 

meridol® quindi è un Sistema con protezione antibatterica, completo per la prevenzione e il trattamento dei disturbi gengivali. 

È composto da: collutorio meridol® clorexidina 0,2%; meridol® perio spazzolino indicato nel protocollo post-chirurgico, in presenza di impianti e nel trattamento parodontale; collutorio meridol®, con un’efficacia antibatterica, dentifricio meridol®, combatte ogni giorno la placca mantenendo un gusto gradevole, e spazzolino meridol®, che rispetta le gengive anche se irritate grazie alle setole coniche dall’estremità microfine.


Inoltre meridol® PARODONT EXPERT è un dentifricio, la cui formula (ioni stannosi/fluoruro amminico) ha in aggiunta un potenziatore di efficacia appositamente studiato per gengive soggette a sanguinamento e a rischio di parodontite.

 

RISORSE su meridol al seguente link: 

www.colgateprofessional.it

 

(1) Jones CG. Chlorhexidine: is it still the gold standard? Periodontol 2000. 1997:15;55-62; 

(2) Lorenz et al., J. Clin Periodontol 33 – 2006;